MIM 0695955242  rmic8gg001@istruzione.it  Cod. Mecc. RMIC8GG001 Cod. Fatt. UFMEP2

Scuola Primaria Montessori

Organizzazione Didattica e contenuti

Le attività scolastiche seguono e rispettano l'organizzazione oraria propria di una Scuola Primaria a Tempo Pieno (40 ore), con entrata alle 8.30 e uscita alle 16.30.
Tale organizzazione, nel tempo e con la decennale esperienza, si è rivelata essere adeguata, idonea e quindi irrinunciabile in una scuola dove il rispetto dei tempi dei bambini è uno dei pilastri su cui si regge il metodo.
Durante la giornata, in un ambiente accuratamente preparato, ordinato, i bambini scelgono liberamente il lavoro da svolgere; essi possono trattenersi a lungo su questo, in tal modo ciascuno può procedere secondo i propri passi e tempi senza sentirsi spinto oltre le sue forze e senza annoiarsi in inutili attese.
Interesse, attività e sforzo sono i caratteri del lavoro spontaneo e auto-educativo nel quale il bambino si immerge con entusiasmo e amore, rivelando e costruendo.

E le Maestre???

Le maestre, invece, "…si confondono con i bambini, sedute accanto a loro, per il tempo che occorre, pronte a spostarsi quando una richiesta di aiuto sia stata soddisfatta e ne sorga una nuova. Le loro voci non si sentono: i bambini sono in grandissima parte autonomi e si aiutano molto tra loro, si consultano. Affamati di cultura vogliono approfondire. Sapere di più, confrontare"

L'insegnante talvolta è impegnata con brevi lezioni, per mezzo delle quali "presenta" il materiale ad un bimbo alla volta o a piccoli gruppi, lasciando, poi, che i bambini li adoperino anche in modo ripetitivo, fino a possederli e ad abbandonarli avendo capito e memorizzato secondo tempi personali; altre volte la si può trovare impegnata in lezioni collettive solenni che, accuratamente preparate, hanno il fine di accendere l'interesse degli alunni.
Ma il grande lavoro che le spetta è l'organizzazione dell'ambiente, affinchè sia sempre stimolante e interessante e diventi strumento principale di quella che, Maria Montessori chiamava, "educazione indiretta".

Ciò richiede un lungo lavoro di previsione e di programmazione non solo ad inizio anno, ma quasi quotidiano, richiedendo spesso la permanenza della stessa in classe dopo l'uscita dei bambini, per controllare che l'aula e tutto il materiale sia sempre al suo posto.

Infine è da rilevare che a tutte le attività si cerca di dare una connotazione ecologico-ambientale; (riciclo, riutilizzo, raccolta differenziata, rispetto per il cibo).